A cosa si va incontro se ci affidiamo ad una Ditta abusiva?

Traslocare casa può essere pericoloso se la ditta che effettua il trasloco non è in regola.

Secondo una legge del 1993, il cliente che si affida ad un  autotrasportatore abusivo o che ha la licenza scaduta rischia un’ ammenda da 258 fino a 512 euro.

Ma non finisce qui: l’ammenda comporta una “macchia sulla fedina penale e l’utente rischia il sequestro addirittura la confisca della merce.

L’unico modo che il cliente ha per tutelarsi ed evitare spiacevoli sorprese, secondo l’Unione Nazionale dei consumatori, è quello di pretendere un contratto di trasporto con i dati della licenza dell’autotrasportatore e l’autorizzazione al trasporto per conto terzi rilasciata  dal Comitato provinciale dell’ Albo Nazionale dei Autotrasportatori.

Se c’è un contratto il cliente può stare sereno: in caso di incidenti, perdite o lesione dei mobili trasportati, ha anche diritto al risarcimento previsto dalla legge.

Documento: Decreto – Legge 29 marzo 1993 n.82 convertito in legge 27 maggio 1933 n.162 (GG.UU.n. 73 del 29 marzo 1993 e n. 123 del 28 maggio 1993)

Oggetto: Misure urgenti per il settore dell’autotrasporto di cose per conto di terzi.

Art.1

  1. All’art.26 della L.6 giugno 1974, n.298 sono aggiunti infine, i seguenti commi:
    << Chiunque affida l’effettuazione di un autotrasporto cose per conto di terzi a chi esercita abusivamente l’attività di cui all’art.1  o ai soggetti di cui all’art.46 della presente legge, è punito con ammenda da 258 euro a euro 512. Si procede altresì al sequestro della merce trasportata, di cui può essere disposta la confisca con la sentenza di condanna.
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn